ODONTOIATRIA  PROF.  DR. FRANCESCO MANGANI
Studio Mangani Odontoiatria Specialistica  P.I. 07750431004   C.F. MNGFNC54A16F888C
SteveR
Ortognatodonzia
L’Ortognatodonzia   è   una   branca   dell’Odontoiatria   (anche   chiamata   Ortodonzia)   che   tende   a   correggere   le   malformazioni delle   ossa   mascellari   e   le   anomalie   di   posizionamento   dei   denti   (malocclusioni)   per   il   danno   che   queste   alterazioni possono provocare sull‘estetica del volto e sulle funzioni respiratorie, masticatorie e fonatorie.  L’apparato masticatorio è un sistema dinamico organizzato per espletare una varietà di funzioni.  Oltre   alla   masticazione,   lo   stesso   sistema   è   stato   ideato   per   bere,   succhiare,   inghiottire   e   respirare,   sorridere,   baciare   e comunicare.  Per   l‘espletamento   di   tutte   queste   funzioni,   è   ovvio   che   le   labbra,   la   lingua,   le   guance,   le   ossa,   le   articolazioni   e   i   muscoli debbano essere finemente correlati tra loro e con i denti, che devono adattarsi al meglio all’interno del sistema. Lo   scopo   di   una   visita   in   precoce   età   (circa   6-7   anni)   è   quello   di   valutare   se   sono   presenti   alterazioni   delle   relazioni anatomofisiologiche tra le arcate dentarie o fra i singoli denti (malocclusioni) e/o alterazioni dei rapporti scheletrici.  Si   possono   così   individuare   già   nelle   arcate   decidue   i   segni   premonitori   o   decisamente   evidenti   di   una   futura   grave malocclusione. I   fattori   eziologici   di   malocclusione   si   dividono   in:   generali   (disordini   endocrini,   nutritivi   e   malattie   dell’infanzia   che influiscono    sul    modello    di    crescita),    genetici    (fattori    ereditati    dai    genitori    che    influiscono    sulla    crescita    e    sulla conformazione del bambino), ambientali o acquisiti.  Le   malocclusioni   acquisite   sono   causate   dalla   perdita   precoce   dei   denti   decidui,   conseguenti   a   carie   o   abitudini   viziate quali la respirazione orale, la suzione del dito o un corpo estraneo.  Altre   cause   posso   essere   una   non   corretta   deglutizione   con   l’interposizione   della   lingua   fra   i   denti   o   l’abitudine   di   mordere le labbra.  Le   ossa,   in   maniera   particolare   quelle   dei   bambini,   sono   dotate   di   una   caratteristica   plasticità,   ossia   crescono   e   si trasformano secondo schemi determinati.  Le   malocclusioni   possono   portare   ad   una   non   fisiologica   masticazione,   a   disturbi   delle   articolazioni   temporomandibolari, del linguaggio ed anche psicologici.